• Panorama Kaltern an der Weinstrasse Südtirol - Ihr Hotel in Kaltern am See
  • Das Weinhotel in Südtirol direkt in den Weinbergen: Ihr Hotel Kaltern
  • Kaltern Ortszentrum: nur ein Spaziergang vom Hotel Hasslhof am Kalterer See
  • Südtirol Urlaub in den Weinbergen: im Weinhotel direkt am Kalterer See
Richiesta rapida:

Vacanze tra castelli e palazzi

 Scoprite la cultura e la storia dell'Alto Adige con i Vostri occhi

Numerosi castelli fortezze circondano il Lago di Caldaro. Alcuni di loro possono anche essere visitati e raggiunti dopo una bella passeggiata.

Il Leuchtenburg sopra il lago di Caldaro

Sulla vetta del “monte di mezzo”, i resti di Leuchtenburg, una rovina il cui impianto originario risale al periodo prima del  12 ° secolo. Tuttavia, è probabile che il primo sviluppo risalga a molto più lontano: l'area è piena di resti di fortificazioni dell'era retica, in seguito rimodellata dai Romani. Originariamente di proprietà dei Signori di Rottenburg, Leuchtenburg fu conquistata nel 1339 dal vescovo di Trento. Poi passò di mano diverse volte fino a quando fu definitivamente abbandonata nel 1610.

Per lo spettatore, sono interessanti sia i resti della decorazione esterna nonché negli affreschi, oltre a un muro di difesa preistorico lungo la strada che conduce alle rovine.

Il Laimburg

Appena sotto il Leuchtenburg, vi sono anche le rovine di Laimburg, le cui origini risalgono al 13 ° secolo. Un tempo residenza dei signori di Laimburg, il castello fu utilizzato per un breve periodo come sede di Caldaro e poi abbandonato nel XVII sec.

Di Laimburg rimangono solo le mura di cinta e la grande torre difensiva.

Castello Hocheppan

Vicino ad Appiano si trova il castello di Hocheppan, un'imponente struttura arroccata sulla cima di una ripida parete rocciosa. È una delle più importanti difese medievali in Alto Adige costruita dal conte Ulrico II. Di conseguenza, i proprietari lo cambiarono più volte, fino al 1911 quando il Conte Enzenberg lo rese come oggi appare.

L'accesso della fortezza è stato ridisegnato più volte nel corso dei secoli. Da nord è protetto da vari annessi e torri di avvistamento tardo medievali. Fuori dalle mura, una torre con una pianta semicircolare aperta verso l'interno fungeva da arsenale di armi. L'edificio principale ben conservato è dominato da un alto mastio pentagonale.

Integrato nel castello, ma risalente ai tempi antichi (1131), vi è anche una piccola cappella con una pianta rettangolare, ingresso laterale e tre absidi nella muratura di uno dei lati corti. Gli affreschi in stile romanico sulle pareti interne ed esterne sono tra i meglio conservati in Tirolo e mostrano motivi sia sacri che profani.

A pochi minuti dal castello sorge un'altra torre autonoma a pianta quadrata, conosciuta come la Torre di gesso, forse per l'originale intonaco bianco, di cui sono ancora visibili le tracce. La torre ha due aperture: una rialzata rispetto al terreno e l'altra con un arco a tutto sesto che dà accesso ai merli mancanti.

Castello Boymont

Poco lontano sorge il Castello di Boymont. Il castello fu costruito nel 1230 dai membri della famiglia dei Conti di Appiano e probabilmente lasciato ai Signori di Boymont nel 1240 per passare poi a Ulrich Kassler nel 1413 Nel 1742, il castello fu devastato da un incendio, probabilmente dovuto a dispute di successione. Fu solo nel 1977 che il castello fu consolidato dal suo nuovo proprietario. Fu restaurato e furono aggiunti nuovi edifici facilmente riconoscibili.

Il complesso originario del palazzo romanico è caratterizzato dalla sua forma perfettamente quadrata e dagli elementi costruttivi chiari e semplici. Nonostante la sua posizione difensiva, il castello serviva principalmente per scopi residenziali e solo marginalmente il controllo militare dell'area circostante.

Interessante per lo spettatore sono le belle bifore nel muro perimetrale del palazzo all'angolo sud-ovest e la massiccia torre di difesa nel nord-est della pianta con la sua grande apertura ad arco così come la torre più piccola nel nord-ovest e la cappella sopra l'ingresso al primo piano quasi completamente conservata.

Leggermente al di sotto di Boymont vi è castello Korb, costruito intorno al 13 ° secolo (La parte più antica, cioè la torre, risale da circa 1236). Anche in questo caso, il complesso passó costantemente in mani diverse nel corso dei secoli.

 

Castello di Greifenstein - Castello Sauschloss vicino a Terlano

Sul lato opposto della valle, vicino a Terlano, si trova il castello di Greifenstein, noto anche come Castel del Grifo. La rovina sorge su uno sperone roccioso con pareti molto ripide. Il castello fu costruito dal conte Arnold III di Morit-Greifenstein e menzionato per la prima volta nel 1158. Nel corso degli scontri tra il conte di Tirolo e il vescovo di Trento nel 1275, il castello fu distrutto, ma ricostruito nel 1334. Dopo essere stato devastato da un incendio nel 1348, fu ricostruito nel 1363. Passò in possesso dei Signori di Starkenberg nel tardo XIII secolo.

Schloss Neuhaus - Castello Maultasche vicino a Terlano

Nella stessa zona si trova anche il castello di Neuhaus o "Casanova" o Maultasch, un castello medievale costruito anch'esso su uno sperone di montagna.

Fu costruito dai Conti del Tirolo, probabilmente prima del 1206, l'anno in cui venne menzionato per la prima volta. Nel 1270 cadde vittima degli scontri tra Mainard II di Gorizia e il vescovo di Trento e fu distrutto. Nel 1320 fu ricostruito e ampliato da Chrstian von Sarnthein. Nel 1382 i signori di Niederthor acquistarono il castello, lo ricostruirono a loro piacimento e aggiunsero alcuni componenti più piccoli. Nel 1572 Schloss Neuhaus passò al Payrsberg, che lo fortificò in modo da poter resistere alle nuove armi d'assedio. Purtroppo, venne riabbandonato nel 1700.

Leuchtenburg via col vento: